Installazione TVCC video sorveglianza HIKVISION (parte 4)


Ciao a tutti, e benvenuti alla quarta parte
di questo tutorial. In questo video vedremo come configurare il
DVR per attivare l’uscita al rilevamento di un movimento che a sua volta attiverà una
sirena interna. In questo modo il nostro sistema di videosorveglianza
avrà anche le funzionalità di un antifurto. Se non avete visto le prime parti del tutorial,
potrete trovare i link dei video precedenti e di quelli che seguiranno nella descrizione
di questo video. Questa è l’ultima schermata che abbiamo visto
nel video precedente. Clicchiamo sulla scheda Configurazione. Alla voce “Parametri dispositivo” possiamo
vedere il modello del DVR che sto utilizzando. Clicchiamo sulla voce “Impostazioni telecamere”
e poi su “Impostazioni programmazione”. In questa schermata si setta il tipo di registrazione
e le fasce orarie in cui è attiva la registrazione. Sulla destra trovate la legenda dei tipi di
registrazione. Al momento il tipo normale è attiva 24 ore
e su tutti i giorni della settimana. Ora lo impostiamo in modo che le registrazioni
avvengano solo alla rilevazione di movimento. Clicchiamo su modifica. Come tipo di registrazione scegliamo “Rivelazione
movimento”, selezioniamo tutti i giorni della settimana per copiare anche sugli altri giorni
questa impostazione. Come vedete ora la griglia è diventata completamente
verde. Se clicchiamo sul tasto avanzate possiamo
anche decidere quanti secondi prima e quanti dopo la rilevazione del movimento, il sistema
deve registrare. Per le prove lasciamo le impostazioni di default. Accertatevi che sia abilitata la programmazione. Clicchiamo sulla voce “Rilevazione movimento”. In questa schermata impostiamo l’area sensibile
al movimento, L’uscita da attivare e in quali fasce orarie. Abilitiamo il rilevamento spuntando questa
la voce. Con questa tendina scegliamo la telecamera
da settare. Di default le aree sensibili al movimento
ricoprono l’intera area visibile. Ma possiamo anche decidere che solo una porzione
dell’immagine faccia scattare l’allarma al rilevamento del movimento. Per le prove abilitiamo l’intera area. Nella scheda “Ora armato” possiamo anche decidere
in quali fasce orarie è attivabile l’uscita. Avremo comunque l’attivazione della registrazione
al rilevamento del movimento, ma se abbiamo una sirena collegata all’uscita, la sirena
non suonerà perché l’uscita non verrà attivata nelle fasce orarie non attive. Nella scheda Collegamenti andiamo a selezionare
l’uscita da attivare al rilevamento. Il software riporta 5 uscite che possiamo
trovare su altri modelli ma questo dispone solo di un’uscita. Salviamo sempre le modifiche fatte. L’ultima voce da configurare è “Uscita allarme”. L’uscita uno è già selezionata. Qui possiamo scegliere il tempo di ritardo,
cioè quanto tempo dopo il rilevamento del movimento l’uscita andrà a riposo. Solitamente gli antifurti lasciano suonare
la sirena per circa due minuti, ma noi per le prove lasciamo pure 5 secondi. L’impostazione “Ora armato” l’abbiamo già
vista alla voce “Rilevazione movimento”. Entrambi le impostazioni fanno la stessa cosa. Se desiderate, per esempio, che dalle ore
15 alle 16 l’uscita non venga attivata, è sufficiente che venga disattivata in quell’orario
in una sola delle due voci, o alla voce “Rilevazione Movimento” o alla voce “Uscita allarme”. Se invece volete che l’uscita sia attivabile
deve essere configurata in entrambe le voci. In poche parole la disattivazione ha la precedenza. Per farvi capire meglio vi metto a confronto
le due tabelle orarie. Come esempio ho creato una fascia orario dalle
14 alle 16 alla voce Rilevamento e una fascia dalle 8 alle 10 alla voce uscite. In questo caso l’uscita sarà attivabile dall’allarme
solo nelle fasce orarie in cui sono di colore blu in entrambi le tabelle. L’uscita non sarà attivabile dalle 8 alle
10 e dalle 14 alle 16 di ogni giorno della settimana. Con questo la programmazione è terminata,
non ci resta che fare i collegamenti. sul retro del DVR troviamo le entrate e le
uscite. Questa è l’uscita che abbiamo configurato. Su questo modello è presente una sola uscita
le altre sono entrate. Sull’uscita ho già collegato due fili per
il multimetro, uno all’uscita 1 all’altro alla massa G. Per inserite e disinserire il filo occorre
premere la parte arancione. Posizioniamo il selettore sul simbolo del
cicalino e colleghiamo le pinze a coccodrillo. Facciamo rilevare un movimento alla telecamera
1. Il multimetro segnala che l’uscita 1 si è
chiusa a massa. Trascorso il tempo di ritardo che abbiamo
configurato alla voce “Uscita allarme” l’uscita torna a riposo. Per collegare un carico alla porta consultiamo
il manuale. Lo schema che utilizzeremo è il primo di
sinistra. Questa sarà la sirena interna e questo è
l’alimentatore che stiamo già utilizzando per alimentare le telecamere. Il manuale riporta anche i valori di tensione
e corrente che possiamo utilizzare, 12V e 1A. La sirena interna che andremo a collegare
assorbe massimo 0,13 A, a una tensione di 13,8V. Con i 12V dell’alimentatore non superiamo
la tensione della sirena e la corrente della sirena è ben al di sotto di quella supportata
dalla porta del DVR. Apriamo la sirena interna. Questi sono i morsetti di alimentazione, il
più e il meno. Questi sono i fili dall’altro capo che andremo
a collegare. Il rosso lo colleghiamo al morsetto +V dell’alimentatore,
mentre il nero lo inseriamo nell’uscita del DVR. Tiriamo leggermente per capire se è collegato
bene. Ora prendiamo un nuovo filo nero che dovrà
essere collegato al morsetto Ground dell’uscita. L’altro capo del nuovo filo lo colleghiamo
al morsetto -V dell’alimentatore. Per prova facciamo rilevare un movimento alla
telecamera. Bene il sistema ha funzionato correttamente. Verifichiamo nei log l’allarme che abbiamo
generato. Clicchiamo sulla voce Log e poi sul pulsante
ricerca. Ora inizio e ora fine sono già impostati
di default in modo da estrarre tutti gli eventi della giornata corrente. Andiamo all’ultima pagina. L’allarme ha generato 5 eventi : l’avvio e
l’arresto sia della registrazione che della rilevazione e l’attivazione dell’uscita. Se clicchiamo sulla voce Playback possiamo
vedere cosa è stato registrato. Questa è la TimeLine delle registrazioni. Le registrazioni di colore blu sono le registrazioni
di tipo normale che era impostata prima che la cambiassimo in rilevamento movimento nelle
impostazioni programmazioni. La registrazione che avviene con il rilevamento
di movimento, così come la Rilevazione intrusione e Attraversamento piano sono considerate di
tipo allarme e sono di colore rosso. L’ultimo allarme che abbiamo generato è stato
alle 17:40. Eccola qua questo è l’ultimo allarme che
abbiamo generato. Nel prossimo video vedremo anche come aggiungere
la sirena esterna della INIM per farlo assomigliare sempre più ad un antifurto. Nella descrizione troverete il link delle
altre puntate del tutorial. Grazie per la visualizzazione

8 thoughts on “Installazione TVCC video sorveglianza HIKVISION (parte 4)

  1. scusa ma nel mio dvr 8 canali mi trovo numeri dall 1 all 8 poi/ 2 morsetti gnd/ 1 com/ e uno no/ per collegare la sirena nel mio caso devo usare un gnd ma non capisco l altro se e com o no perche con la prova col tester non mi suona alla presenza della telecamera.confido in una tua risposta grazie

  2. Gifran gf 2115 da quello che capisco dal manuale dalla 1 a 8 sono entrate sensori por mentre questo dvr dovrebbe avere una uscita solo per fare quello che hai mostrato tu collegando on e gnd.credo che i parametri interni del dvr siano giusti ma non so dove è l errore

  3. Ormai sto passando ore ed ore a guardare i tuoi video, sono davvero tutti utilissimi! continua così perchè sei una risorsa praticamente unica su youtube italia e non smetterò mai dirti grazie: tra casa dei miei genitori ed azienda (amo imparare e fare da me :D) mi hai dato una mano infinita a livello sia pratico che teorico !!

    Ispirato sempre ai tuoi video per quanto riguarda l'ambito tvcc ho installato prima dell'estate nel mio capannone un dvr ds7608 hikvision e delle telecamere hi look hikvision IPC-B120H , posizionate a diversi metri di altezza ed ho una copertura ottima di tutto il magazzino con un risultato ottimo anche in notturna

    In previsione delle giornate che si andranno ad accorciare vorrei pensare ad aggiornare anche l'esterno, sempre con hikvision visto che ho avuto un'ottima esperienza.

    L'esterno non ha grossi problemi di illuminazione e le distanze massime da coprire sono di circa 25-30 mt di profondità.

    Mi sai dire quali sono le telecamere hikvision maggiormente installate in piazzali esterno capannoni in rapporto a qualità immagina e prezzo ? L'unico requisito fondamentale è che supportino alimentazione POE e che offrano un buona visibilità notturna , poi che siano bullet o dome poca importa

    Un video panoramica sui modelli più utilizzati da voi professionisti in ambito sia casalingo che industriale sarebbe fantastico per aiutarci all'orientamento nella giungla di modelli !

    Grazie in anticipo per la cortesia !!

  4. Per telecamere DOM il funzionamento e differente!!!!
    oppure non funziona in fase di brandeggio!!!!!

  5. Salve, mi chiedevo se la "rilevazione movimento" può essere abilitata contemporaneamente su tutte e 4 le telecamere…e magari utilizzata per inviare una mail all'occorrenza.
    Grazie e complimenti per i video

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *